Focus

Condividi questa pagina:

Progetti nazionali ed internazionali  di ampio respiro che vedono coinvolti artisti di tutto il mondo.
Ogni  focus  ha portato uno spettacolo a La Strada Festival, frutto di mesi di rapporti e collaborazioni  tra enti e organizzazioni di ogni parte del globo


Ecco i focus della nostra decima edizione:


FOCUS YOUNG ARAB  CHOREOGRAPHERS

Nasce con l'obiettivo di facilitare la mobilità, il dialogo interculturale e lo scambio di pratiche performative tra gli artisti arabi e le realtà del territorio italiano. 
Tra maggio e settembre 2017 il Focus programma, all'interno dei festival, manifestazioni, residenze delle undici strutture aderenti al network, sei giovani coreografi provenienti da paesi del bacino del Mediterraneo:  Sharaf Dar Zaid (Palestina),  Mounir Saeed  (Egitto),  Hamdi Dridi   (Tunisia), Bassam Abou Diab,  Jadd   Tank   e  Guy   Nader   (Libano).   
Ai giovani artisti, selezionati all'interno della BIPOD/beirut international platform of dance e in collaborazione con la Maqamat Dance Theatre di Beirut, il MiBACT e il MAECI, viene offerta una tournée italiana e la possibilità di condividere le proprie poetiche, di approfondire all'interno di residenze artistiche la propria ricerca, incontrando pubblici, spazi e contesti molto diversi tra di loro. Ciò rappresenta un concreto intervento di  sostegno alla danza contemporanea araba   e una straordinaria  opportunità di conoscenza per gli artisti e per i pubblici italiani. 
Le strutture che hanno aderito all'accordo sono: ACS - Abruzzo Circuito Spettacolo (Festival Corpografie, Pescara), Armunia (Festival Inequilibrio, Castiglioncello LI), Associazione Basilicata 1799 (Città delle 100 scale Festival, Potenza e Matera), Associazione Danza Urbana (Festival Danza Urbana, Bologna), Mosaico Danza (Festival Interplay, Torino), Il Triangolo Scaleno (Festival Teatri di Vetro, Roma), C.L.A.P.Spettacolodalvivo (La Strada Festival Internazionale, Brescia), Anghiari Dance Hub (Anghiari AR), Fondazione FabbricaEuropa per le Arti Contemporanee (Festival FabbricaEuropa, Firenze), Inteatro Festival / Marche Teatro (Polverigi e Ancona), La Mama Umbria International (Spoleto PG). 

La Strada Festival ha in cartellone  Under the Flesh, la performance del danzatore libanese  Bassam Abou Diab, in scena con il musicista Samah Tarabay. 


FOCUS DANZA URBANA XL

Proposte di danza nei paesaggi urbani
 
Danza Urbana XL promuove la diffusione e la visibilità di creazioni concepite per spazi e formati non-teatrali, di autori italiani e stranieri, nei festival, rassegne e stagioni aderenti al Network Anticorpi XL, attraverso lo scambio di informazioni, la condivisione di proposte e la composizione di un programma di circuitazione.
 
L’azione è condivisa da: Amat/Associazione Marchigiana per le Attività Teatrali, Mosaico Danza - Interplay, Ass. CantieriDanza, Ass. Danza Urbana, Solares Fondazione delle Arti, ACS-Abruzzo Circuito Spettacolo, Ass. Basilicata 1799, Ass. CapoTrave-Kilowatt, Ass. Incontri Internazionali di Rovereto, Find, CEDAC, Ass. Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo, C.L.A.P.Spettacolodalvivo.
 
La Commissione quest’anno ha scelto di premiare le seguenti creazioni:

  • As if we were dust di Alessandro Carboni
  • Cheerleaders di Collettivo PirateJenny
  • Dei crinali di Manfredi Perego
  • Re-Garde di Francesco Colaleo
  • Electric Counterpoint di Maria Francesca Guerra
  • Occhi di Andrea Gallo Rosso
  • Svanisco di Francesca Lettieri
  • Cedi la strada agli alberi di Pieradolfo Ciulli

 
Re-Garde di Francesco Colaleo, è stata inserita nel programma de La Strada Festival 2017.


FOCUS PROGETTO TRENTESIMO

C.L.A.P.Spettacolodalvivo, dopo l'assegnazione della titolarità di residenza regionale (art. 45) nel 2015, riconfermata per il biennio 2016/17, prosegue il processo di collaborazione artistica con numerose compagnie di danza, teatro e arti circensi. Conferma così la sua natura multidisciplinare e la sua mission di accompagnamento alla creazione e alla sperimentazione, grazie al progetto Incontri ravvicinati.
In ogni percorso, condiviso poi con altre realtà in un’ottica interregionale, si sostiene il lavoro creativo e organizzativo di coreografi, danzatori, attori...
Le residenze diventano così luoghi di studio e ricerca, che permettono agli artisti di lavorare e confrontarsi con sguardi diversi in ogni contesto.
 
La Strada Festival ha in cartellone l’esito coreografico del Progetto “TRENTESIMO” dell’Associazione B612LAB/Compagnia Zerogrammi (Torino), in residenza presso C.L.A.P.Spettacolodalvivo nel 2016, nell’ambito di un work in progress costituito da numerose tappe:

  • ottobre 2015/dicembre 2015 – selezionato dal bando Permutazioni (Piemonte dal vivo/c.ie Zerogrammi)
  • marzo 2016 – presentazione progetto presso Lavanderia a Vapore
  • aprile 2016 – presentazione progetto al teatro PimOff di Milano
  • giugno 2016 – selezionato dal Bando #innovazioneORA di Compagnia di SanPaolo
  • luglio 2016 – residenza Brescia (C.L.A.P.Spettacolodalvivo)
  • agosto 2016 – residenza Napoli (NEO Rete Danza Contemporanea Campania)
  • settembre 2016 – residenza Brescia (C.L.A.P.Spettacolodalvivo)
  • ottobre 2016 – residenza Torino (Askatasuna)
  • novembre 2016 – THE OTHERS fair – presentazione STUDIO
  • febbraio 2017 – residenza Fossano (Festival Mirabilia)



FOCUS COMUNIC-AZIONE

Nella LIS (Lingua Italiana dei Segni), ogni gesto ha un significato e ogni parola ha uno specifico movimento ad essa associato. Una frase in LIS, in quanto costituisce un insieme di movimenti, può essere considerata danza.
 
La performance By the Hand (in Prima Nazionale a La Strada Festival) rappresenta l’esito del worskhop di danza contemporanea condotto da Cesare Benedetti e Pieradolfo Ciulli (danzatori della compagnia Fattoria Vittadini), con il sostegno di C.L.A.P.Spettacolodalvivo e il supporto dell’Ente Nazionale Sordi - sezione provinciale Brescia. Il laboratorio, aperto a tutti, si è svolto presso lo Spazio Danzarte di Brescia e ha avuto lo scopo di far incontrare due comunità differenti, udenti e sordi, utilizzando la danza come mezzo di comunicazione. Ogni giornata di laboratorio prevedeva una prima fase di apprendimento mnemonico di alcune frasi o canzoni in linguaggio LIS per creare una base comune a tutti i partecipanti. La seconda consisteva in una serie di giochi ed esercizi volti allo sviluppo di un linguaggio per far entrare gli uni in relazione con gli altri. Grazie alla danza contemporanea e all’improvvisazione, i partecipanti hanno esplorato ritmo, spazio, forma e tempo di ogni azione, partendo dal linguaggio visivo-gestuale. Si è svolto inoltre un incontro tra i partecipanti, Eyk Kaulisky (attore tedesco in DGS) e Ace Mahbaz (attore iraniano di fama internazionale), che ha approfondito il reciproco scambio di conoscenze e capacità. 

FOCUS CIRCO SOCIALE

 “Fekat Circus” (in Amharic letteralmente “circo che sboccia”) è nato per aiutare bambini e ragazzi di Addis Abeba a crescere nel difficile contesto etiope.
La scuola è stata fondata nel 2004 da ragazzi etiopi, che avevano avuto la fortuna di avvicinarsi all’arte circense sin da piccoli. Qui, grazie a ben 26 dipendenti, vengono accolti centinaia di giovani, che hanno la possibilità di esprimersi e di sviluppare le loro potenzialità in un ambiente sereno, regalandosi l'opportunità, spesso inimmaginabile, di salire su un palcoscenico!
 
Oltre a mettere in scena spettacoli in tutto il mondo, la scuola organizza allenamenti, workshop, animazione negli orfanotrofi, attività con i bambini di strada, riabilitazione nelle carceri minorili, raggiungendo oltre 450 bambini all’anno, per regalare loro un sorriso e una nuova speranza.
Il Fekat Circus ha anche tanti progetti al di fuori della scuola, come quello che porta i giovani clown ad offrire sostegno e gioia ad oltre 10000 piccoli pazienti del reparto di pediatria dell’Ospedale Black Lion; altri vedono gli artisti impegnati in spettacoli in tutto il paese su temi sociali e sulla salute, con grande impatto, oltre che artistico, anche di testimonianza e sensibilizzazione.
 
Fekat Circus porta in scena a La Strada Festival lo spettacolo Be-On.

 FOCUS TARREGA

Fira Tàrrega nasce nel 1981 e da allora ogni anno rende la cittadina catalana il centro del teatro urbano, di strada e del circo contemporaneo. È il festival mondiale delle arti performative, una grande vetrina sullo spettacolo dal vivo con un programma eclettico che include performance in interno e in strada, dibattiti e incontri per gli operatori del settore. L’obiettivo primario dell’evento è favorire reti, circuiti e scambi internazionali su scala mondiale di festival, compagnie e produzioni.

C.L.A.P.Spettacolodalvivo, in linea con le maggiori esperienze culturali internazionali, è presente a Tàrrega in qualità di operatore e relatore. Dal 2015 ha iniziato una collaborazione triennale con la Fira, che favorisce la mobilità di compagnie catalane in Italia e italiane in Spagna nell’ambito di teatro, danza e circo contemporaneo. 

In particolare, quest’anno, a chiudere la X edizione de La Strada Festival, è in programma lo spettacolo InTarsi della spagnola Compañìa de circo “eia”, mentre la compagnia italiana Circo e Dintorni parteciperà alla Fira Tàrrega a settembre con The Black Blues Brothers.