CLAPS e "Obiettivo internazionale"

10/10/2017
Notizie

OBIETTIVO INTERNAZIONALE
Ostacoli, contraddizioni, strumenti operativi
un evento del progetto LIV.IN.G. - Live Internationalization Gateway

Giovedì 12 ottobre, presso il Museo del Novecento, arriva a Milano il ciclo di appuntamenti pubblici organizzati da Cristina Carlini, Cristina Cazzola, Giuliana Ciancio e Carlotta Garlanda all’interno del progetto LIV.IN.G di C.Re.S.Co. e che coinvolge quattro regioni (Lombardia, Marche, Lazio e Sicilia) nell’arco di tutto il 2017: una riflessione guidata con istituzioni, artisti e operatori per far emergere le necessità chiave dei territori, il punto di vista delle istituzioni, gli scenari possibili.

L’incontro milanese, che vedrà tra i relatori anche la Direzione artistica di C.L.A.P.Spettacolodalvivo, ha l’obiettivo di:
- presentare una panoramica sulla situazione del teatro italiano in relazione al mercato estero, le politiche e le opportunità attive, le case histories più significative;
- offrire un momento di networking fra istituzioni, agenzie e operatori attivi nel campo internazionale;
- raccogliere le indicazioni degli operatori all’interno della ricerca condotta da LIV.IN.G., che verrà presentata a Ministero, Regioni, Comuni, Fondazioni e operatori del settore durante il mese di dicembre, a chiusura del progetto, e che proporrà un possibile modello di accompagnamento
all’attività internazionale.

Gli incontri fanno parte dello studio di fattibilità del progetto LIV.IN.G. - Desk per l’internazionalizzazione dello spettacolo dal vivo realizzato da C.Re.S.Co. con il sostegno di Fondazione Cariplo, in collaborazione con SmartIT, Marche Teatro e Zo Culture e col patrocinio di Regione Lombardia e Regione Lazio.
Lo studio analizza e sperimenta le necessità di accompagnamento dello spettacolo dal vivo verso l’attività internazionale: obiettivo finale è la realizzazione di una rete di desk a base Regionale che supporti le organizzazioni in modalità “learning by doing”, connetta l’Italia e il sistema estero, stimoli un’adeguata politica culturale delle istituzioni locali e nazionali.
L’incontro di Milano rappresenta il terzo incontro pubblico dopo quello di Roma (Teatro Valle) e Catania (Zo Culture).

La mattina si svolge con “interviste incrociate” su quattro domande chiave riguardanti il mercato internazionale: per ciascuna domanda sono chiamati a rispondere brevemente alcuni dei relatori, mentre gli altri relatori e la platea possono intervenire. 
Nel pomeriggio, le parole chiave emerse durante le interviste vengono riprese e rielaborate con uno o più format di lavoro in gruppo.
Lo scopo della giornata è individuare temi di priorità, rielaborare esigenze, fornire indicazioni pratiche, confrontare esperienze (sia positive che negative!), raccogliere informazioni e stringere nuovi contatti.

Condividi questa pagina:

Accetta i cookie per visualizzare questo contenuto.