Et pourtant...

Categoria:

Ente:

C.L.A.P.Spettacolodalvivo

Condividi questa pagina:

Accetta i cookie per visualizzare questo contenuto.

DUO BELORAJ
 
 
Idea, interpretazione e scrittura acrobatica Joël Azou e Barbara Lartigau
Allestimento e scrittura coreografica Clément Belhache e Caroline Maydat
Costumi Marie Ryckebusch «Pom'yeah»
Co-produzione Duo Beloraj, Compagnie comme si - Cirko Vertigo
Residenza Centre de création « les jonc'alles » Alles sur Dordogne - La Cité du cirque, Le Mans - « Bastid'art » , Miramont de Guyenne - Salle du Terrain Blanc, MPT de Penhars, Quimper.
Con il sostegno di Cirko Vertigo - CRAC de Lomme - Association Balles à Fond « Maison du cirque », Quimper - Déclic Circus, Libourne - La Cité du cirque, Le Mans.

 
 
 
Beloraj rappresenta due persone e una parola, un anagramma di due cognomi come simbolo di uno sforzo comune. Porta due identità, due energie, tra la dolcezza e la forza di un tuono: bisogna vivere le contraddizioni che coesistono in noi.
 
Joël Azou e Barbara Lartigau si incontrano con lo stesso sogno, la stessa determinazione nel lavoro, per entrare nel Centro regionale delle arti di circo di Lomme (CRAC) ed essere formati alle discipline circensi da Abdeliazide Senhadji e Mahmoud Louertani. I loro insegnamenti hanno fornito loro un vocabolario corporale preciso e rigoroso nella pratica. Una volta assorbita, questa base di espressione è declinabile in diversi modi. Utilizzando un linguaggio che mescola il burlesco e la poesia, la loro prima creazione Et pourtant… nasce già durante il loro periodo di formazione e riceve il primo premio “Sul filo del circo” 2017 per il sostegno alla creazione.
 
 
"Ci siamo basati sulle nostre differenze, che siano visibili o meno. L’identità di ciascuno è unica! La completa diversità dei nostri profili ci permette di constatare che ogni individuo ha la capacità di apprendere dagli altri. Solo accettando questo abbiamo potuto iniziare a sviluppare un’azione comune senza sacrificare le unicità. Utilizziamo prese acrobatiche per rappresentare l’equilibrio degli esseri umani. Si deve necessariamente fare i conti con il bisogno dell’altro per perseguire un cammino insieme. L’acrobatica, per quanto pericolosa, è espressione di una fiducia in se stessi che arriva ad essere fiducia nell’altro. Chi interpreta il porteur e chi volteggia creano insieme un equilibrio senza renderlo mai fragile. Grazie a gesti quotidiani e giochi ispirati all’infanzia parliamo a tutti e tutte, con un linguaggio comprensibile da tutte le nazionalità e culture."

 
 


Spettacoli

Location Giorno Ora Ticket
Nessuna data in programmazione per questo spettacolo