Adieu

Categoria:

Ente:

Pandanz

Condividi questa pagina:

Accetta i cookie per visualizzare questo contenuto.


coreografia Francesco Colaleo
interpretazione Maxime Freixas
produzione Artemis danza
in collaborazione con Cantieri Culturali Creativi e Teatro De Micheli (FE)
durata 15’

 
Primo studio sulla Sindrome di Ulisse, ovvero sulla nostalgia.

“…e Ulisse passava i giorni seduto sugli scogli, consumandosi a forza di pianti, sospiri e pene, fissando con i suoi occhi il mare sterile, piangendo incessantemente…”
Omero, Odissea

Adieu, pièce coreografica per un danzatore, è uno stato d'animo. È il desiderio di trovare un luogo sicuro, senza dimenticare chi siamo e da dove veniamo. Alcuni esperti la chiamano la "Sindrome di Ulisse", altri la "malattia degli immigrati". È la sindrome del XXI secolo che rimanda allo stress cronico e multiplo sofferto dal personaggio omerico nel suo viaggio in terre sconosciute. Lontano dalla sua Itaca, colto da avversità e pericoli, Ulisse è un profondo nostalgico. Siamo di fronte ad un'Odissea contemporanea, flusso dell'esistere senz'arresto, troppe volte causa di razzismo e paura. Si teme chi ha il coraggio di andare per restare, ma forse l’unica minaccia è il non riuscire ad accettare che nessuna terra ci appartiene.


Spettacoli

Location Giorno Ora Ticket
Nessuna data in programmazione per questo spettacolo